In primo piano

 


Indifferenza o scarsa conoscenza?
Gli #operatorisociali sono una categoria fortemente “a rischio” perché assistono utenti fragili in luoghi meno sicuri degli ospedali, soccorrono senza fissa dimora nelle strade, entrano quotidianamente nelle case delle persone al pari dei caregiver.
La Regione Lazio, proprio sulla base di questo rischio, richiede che siano sottoposti al tampone ogni 15 giorni.
Eppure, questi stessi operatori NON RIENTRANO TRA LE CATEGORIE PRIORITARIE e, ad oggi, NON POSSONO ACCEDERE AI VACCINI se non per fascia di età.
Mettiamo fine a questo controsenso, trovando una soluzione immediata per tutelare i diritti e la salute di lavoratori e utenti fragili!
#vogliamovaccinarci perché “se il tampone è un obbligo, il vaccino è un diritto”





I commenti sono chiusi