Ragazzi al Centro

Ragazzi al Centro è un Servizio nato nell’ambito della Legge 285 e gestito dalla Cooperativa dal 1999 al 2011 in ATI con le cooperative sociali “Il Brutto Anatroccolo”, “Parsec Ass.”, “Parsec Servizi”, “Il Cammino”, e “Progetto salute”.
Il progetto, in convenzione con il Comune di Roma IV Municipio Roma Montesacro, era rivolto ai giovani con la finalità di promuovere l’agio e prevenire il disagio minorile attraverso un sistematico lavoro di ‘rete’ nel territorio.
Il progetto comprendeva un Centro Aggregativo Giovanile (CAG) rivolto ai pre-adolescenti presso la “Casa delle Associazioni”, un Centro Socio-Culturale “Defrag_” rivolto ai giovani tra i 16 ai 24, uno Staff di Educativa territoriale che svolgeva attività di animazione di strada e partecipazione giovanile attraverso l’utilizzo di un furgone itinerante e un dipartimento di Progettazione, Valutazione, Ricerca e Formazione.

Risultati generali raggiunti 

  • Coinvolgimento partecipato dei minori e giovani del territorio (negli anni almeno 1.000);
  • Coinvolgimento partecipato di nuclei familiari (negli anni almeno 200);
  • Implementazioni di reti territoriali per la progettazione e alla realizzazione di iniziative concertate (negli anni: 1. Costituzione della rete SINAPSI ora R@Cult composta da 9 organizzazioni del mondo no-profit che lavorano con minori e giovani; 2. Collaborazioni con reti extraterritoriali in iniziative pubbliche e/o progetti: con Terra del Fuoco per il Treno della Memoria, con Tavola della Pace per iniziative volte alla promozione di educazione alla pace, altre reti ed enti minori per scambi culturali nazionali e europei come Network Togheter e ACT di Terni).

Risultati specifici sugli utenti

  • minori e giovani coinvolti supportati sia per quanto concerne la vita scolastica che per quanto concerne la vita familiare e sociale;
  • nuclei familiari supportati nella gestione delle relazioni educative e nelle relazioni intra-familiari;
  • realizzazione di spazi di aggregazione;
  • realizzazione di opportunità-servizi sia per i minori e i giovani che per le loro famiglie.

 

I commenti sono chiusi